closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Anziani e vaccinati, le regioni in ordine sparso

Covid-19. Il governo punta ora sulle farmacie: firmato l’accordo quadro, 6 euro a dose ai farmacisti

Roma, il centro vaccinale nell’Auditorium Santa Cecilia foto LaPresse

Roma, il centro vaccinale nell’Auditorium Santa Cecilia foto LaPresse

Le disparità tra una regione e l’altra sono il principale ostacolo alla «svolta» sul piano vaccinale promessa da Draghi. Le differenze non riguardano però il numero assoluto di somministrazioni effettuate dalle varie regioni, perché tutte hanno dato fondo alle scorte in misura simile. La Calabria è stata la più parsimoniosa, avendo usato il 75% delle dosi ricevute, mentre la provincia di Bolzano ne ha impiegate il 94,1% ed è rimasta praticamente senza scorte. 15 regioni su 21 però hanno messo da parte tra il 10 e il 20% delle dosi. Tra due regioni come la Lombardia e il Lazio (vituperata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi