closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Antropologia (o una meditazione quasi pasquale)

In una parola. «L’antropologia di fronte ai problemi del mondo moderno», le tre lezioni «giapponesi» di Claude Lévi-Strauss, appena pubblicate in un libretto Bompiani, ci parlano di questioni del tutto aperte e «urgenti»

La Pasqua, sia che ricordi la resurrezione di Gesù, la liberazione degli ebrei dall’Egitto, il mancato sacrificio di Isacco (per i musulmani), i poteri dell’antica dea babilonese Ishtar (da cui probabilmente Easter…) o le celebrazioni pagane della stagione in cui tutto nasce e rinasce, così icasticamente musicate da Stravinskij, dovrebbe indurci a fare i conti con i complessi rapporti tra il mutamento e il tempo. Io l’ho festeggiata - oltre che assaporando alcuni ottimi cibi - leggendo tre lezioni «giapponesi» di Claude Lévi-Strauss, appena pubblicate in un libretto Bompiani. Il titolo - L’antropologia di fronte ai problemi del mondo moderno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi