closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Antonio Cassano, predestinato di un’altra classe

Palla al piede. Tra discese ardite e risalite, le vite complicate di un campione

Antonio Cassano

Antonio Cassano

Era il 22 dicembre del 1999 quando Antonio Cassano varcò le porte del carcere minorile Fornelli di Bari. Lui che sembrava un cliente predestinato del nostro sistema penitenziario vi entrò invece da eroe. La domenica precedente, la sera del 19 dicembre, aveva segnato un gol spettacolare all’Inter. Quella rete fece volare le sue quotazioni. Cassano a fine stagione passò alla Roma. Tre giorni dopo il gol più importante della sua vita, il gol che lo fece diventare ricco e famoso, lui si recò a trovare i ragazzi detenuti nell’istituto penitenziario per minori di Bari. Con loro poteva immedesimarsi allo stesso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.