closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Antonio Biasucci, l’immagine dell’incertezza

Incontri. Un incontro con il fotografo, tra i sette reporter italiani coinvolti nella missione che testimonia l’emergenza degli sbarchi dei migranti in Grecia, in occasione dell’apertura della mostra «Lying in Between. Hellas» al Foro Boario di Modena

Mani, piedi, volti di donne, uomini e bambini con gli occhi chiusi che escono dal buio, cercando la loro collocazione in uno spazio che attraversa il tempo. Antonio Biasiucci (Dragoni, Caserta, 1961, vive e lavora a Napoli) costruisce così il suo polittico di ventotto immagini. Il titolo è The Dream, perché sogno è una parola ricorrente nei discorsi dei profughi. Usa il consueto formato quadrato, ricorrendo al bianco e nero fortemente contrastato che, come in altri lavori - da Vapori al più recente Moltitudini - evoca sempre quella sospensione che implica la totalità dell’esperienza. Prendere parte al progetto Lying in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi