closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Antoinette Zwirchmayr, per fare film «colleziono» la realtà

Festival. Conversazione con la regista austriaca a cui Filmmaker dedica un omaggio nella sezione Fuori Formato. in programma da oggi, giovedì 3 dicembre,  per 72 ore sulla piattaforma di MYmovies.

I film di Antoinette Zwirchmayr conducono in una dimensione incantata, sospendono le relazioni abituali tra corpo e ambiente, parola e immagine, accolgono oggetti animati e inanimati in una geometria di desiderio che è insieme infantilmente letterale e perversamente analogica. Come nel recente The Seismic Form (2020), ispirato ai pensieri di Baudrillard su Pompei, nel suo cinema tutto è tumulto pietrificato, smottamento di significanti, seduzione insondabile della superficie. Le ho rivolto qualche domanda in occasione del suo profilo a Filmmaker Festival all'interno della sezione Fuori Formato: in programma da oggi, giovedì 3 dicembre,  per 72 ore sulla piattaforma Mymovies. Il tuoi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi