closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Annie Ernaux, il lessico che tradisce uno stile di classe

Intervista. Parla la scrittrice francese Annie Ernaux

Maja Bajevic, «How Do You  Want To Be Governed?», 2009

Maja Bajevic, «How Do You Want To Be Governed?», 2009

«Volevo dire, scrivere riguardo a mio padre, alla sua vita, e a questa distanza che si è creata durante l’adolescenza tra lui e me. Una distanza di classe, ma particolare, che non ha nome. Come dell’amore separato». Su quell’ipotesi di narrazione, Annie Ernaux ha riflettuto parecchio concludendo che le sarebbe stato impossibile riferirsi a una trama di invenzione. Ha dunque preferito una composizione in prima persona, veritiera e dichiaratamente autobiografica. La place (Gallimard), ora tradotto da Lorenzo Flabbi con il titolo Il posto (L’orma editore, pp. 120, euro 10) è un potente libro (già recensito da Enzo di Mauro in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.