closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Anna Kantoch, in un sanatorio sul baltico, una donna si perde al confine fra l’adesso e i ricordi

Scrittrici polacche. «Buio», da Carbonio

Aneta Grzeszykowska, «Selfie #7b», 2014

Aneta Grzeszykowska, «Selfie #7b», 2014

Voce tra le più interessanti dell’odierno panorama letterario polacco, Anna Kantoch, finora sconosciuta al pubblico italiano, si inserisce di diritto nella nutrita schiera di scrittrici che sono parte integrante del fermento culturale del suo paese: da Olga Tokarczuk e Magdalena Tulli, capaci di trasformare ogni elemento della realtà nel frammento di un universo dilatato, a Zyta Rudzka e Anna Bolecka, che esplorano le difficili relazioni tra i sessi, a Izabela Filipiak e Manuela Gretkowska, rappresentanti dell’ala trasgressiva, che dissacra tradizioni e miti nazionali e infrange tabù sociali e sessuali, alle poetesse Ewa Lipska e Julia Hartwig. La presenza femminile è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi