closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ankara manda i carri armati nelle città kurde

Turchia. Migliaia di soldati e poliziotti dispiegati per inasprire i coprifuoco a sud-est. 200mila persone in fuga, 200 i civili uccisi da luglio. Ma i kurdi continuano a manifestare

Scontri tra forze turche e kurdi

Scontri tra forze turche e kurdi

Nel Kurdistan turco è in corso una vera operazione militare contro combattenti del Pkk e popolazione civile. Una punizione collettiva che ha ucciso già oltre 200 civili e costretto alla fuga 200mila persone. Ankara aveva promesso un inasprimento della repressione, ma quello che accade nel sud est della Turchia va oltre. È una guerra: ieri nelle principali città kurde sono stati dispiegati i carri armati che non hanno sparato contro edifici civili, mentre migliaia di soldati e poliziotti arrivavano a Diyarbakir, Silopi, Yuksekowa, Cizre per intensificare i coprifuoco dichiarati due settimane fa. Nel pomeriggio a Diyarbakir tre case sono state...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi