closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ankara impone il coprifuoco su 176 villaggi curdi

Turchia. In vigore da ieri fino a nuovo ordine, le comunità temono una nuova operazione militare. A Istanbul arrestata la ex co-leader dell'Hdp, già indagata la neo-eletta

La curda Cizre durante le operazioni militari turche

La curda Cizre durante le operazioni militari turche

Ieri il governo turco ha imposto il coprifuoco su 176 villaggi del Bakur, il Kurdistan turco. «Il coprifuoco è in vigore dalle 8 di mercoledì fino a nuove ordine», il comunicato scarno del governatore di Diyarbakir. I distretti interessati sono Silvan, Lice, Hazro e Kulp. Qui, secondo Ankara, il Pkk è attivo: i coprifuoco serviranno a «neutralizzare» membri e collaboratori «dell’organizzazione terrorista separatista». Subito è montata la paura tra i residenti che temono che il coprifuoco non sia altro che il preludio a rinnovate operazioni militari su larga scala. Come quelle lanciate nel luglio 2015 e proseguite per oltre un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi