closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ancora senza data la “preghiera per la pace” di papa Francesco

Israele/Territori Occupati. L'incontro con i presidenti di Israele e Palestina, Shimon Peres e Abu Mazen, dovrebbe tenersi a Roma nei prossimi giorni. Pesano i "paletti" del premier israeliano Netanyahu

La stampa italiana assegna un eccessivo significato politico alla “preghiera della pace” che papa Francesco si è offerto di organizzare a Roma con il presidente israeliano Shimon Peres e quello palestinese Abu Mazen. Persino il capo dello stato Napolitano, in un messaggio inviato al pontefice , arriva a definire l’invito ai due presidenti «storico» e «motivo di speranza per l'intera regione, ai fini della ripresa dei negoziati di pace». Aspettative che non riflettono in alcun modo la realtà sul terreno. Ciò che in Italia è descritto come un’occasione di rilancio per il negoziato, non riscuote particolare attenzione in Israele. E...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.