closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Anche l’Italia ci prova, ma il vaccino Reithera è ancora alla fase 1

Covid. Presentati i primi dati del siero sviluppato a Castelromano. Se l’iter andrà bene possibile approvazione entro l’estate. Dall’Agenzia europea del farmaco si attende per oggi il via libera alla statunitense Moderna

Campagna di vaccinazione al Policlinico Umberto I di Roma; in basso Nicola Zingaretti e Roberto Speranza alla presentazione del vaccino ReiThera

Campagna di vaccinazione al Policlinico Umberto I di Roma; in basso Nicola Zingaretti e Roberto Speranza alla presentazione del vaccino ReiThera

Oggi l’Agenzia europea del farmaco darà il suo parere sull’autorizzazione del vaccino anti-Covid-19 sviluppato dalla statunitense Moderna. Il verdetto positivo appare scontato, visti i risultati positivi già pubblicati. Da qui a marzo l’Italia riceverà 1,3 milioni di dosi del vaccino, più altri 9 tra aprile e settembre. Il vaccino ha un’efficacia analoga a quello Pfizer ma può essere conservato in un normale freezer. Negli Usa, il direttore del programma di sviluppo dei vaccini “Warp Speed” Moncef Slaoui ha proposto di somministrare una dose dimezzata del vaccino Moderna, che risulterebbe altrettanto efficace e ne raddoppierebbe la disponibilità. Ma per la Fda...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi