closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Renzi fa il francese, ma al 3%

Governo. La Ue impone un possibile aumento dell'Iva nel 2016, e la Cgil denuncia: "Non si cambia rotta, stime ottimistiche e la disoccupazione resterà altissima". Ma il premier vuole la riforma del lavoro per tentare le multinazionali

Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan

Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan

“Il governo conferma politiche sbagliate”. La Cgil vede le carte del documento (aggiornato) di economia e finanza, bocciando punto per punto quella che può essere definita l'architrave della legge di stabilità. Nel giorno in cui la nota di variazione al Def arriva alla commissione bilancio di Montecitorio, al giudizio negativo del più grande sindacato italiano si accompagnano le critiche di Confcommercio e Confesercenti, già in allarme di fronte a un nuovo aumento dell'Iva e delle altre imposte indirette nel 2016. Una possibilità, comunque messa nero su bianco in un Def che i censori dell'Ue considerano talmente ottimistico da chiedere una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.