closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Anche Israele teme la candidatura di Barghouti a presidente

Territori occupati. Autorizzato ieri l'ingresso nel carcere di Hadarim del ministro dell'Anp Hussein al Sheikh incaricato dal partito Fatah di persuadere il Mandela palestinese a non correre per la presidenza contro Abu Mazen. Se fosse eletto, per Israele sarebbe un problema tenere in cella il presidente palestinese

Marwan Barghouti in tribunale a Gerusalemme nel 2012

Marwan Barghouti in tribunale a Gerusalemme nel 2012

A quanto pare per le autorità israeliane è diventato fondamentale che Marwan Barghouti, il più famoso dei prigionieri politici palestinesi e capo del comitato centrale del partito Fatah, non partecipi alle elezioni fissate il 31 luglio per la presidenza dell’Autorità nazionale palestinese. Se Barghouti, come intenderebbe fare, dovesse candidarsi e poi vincere le elezioni – possibilità concreta –, tenere chiuso in una cella il presidente eletto palestinese sarebbe un problema non da poco per Israele. Forse anche questo spiega la decisione di permettere a Hussein al Sheikh, ministro dell’Anp e tra i dirigenti più importanti di Fatah, di entrare ieri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi