closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Anche Israele non è più tanto cyber-sicura

Hacker's Dictionary. Una serie di attacchi motivati ideologicamente ha messo il paese Mediterraneo nel mirino. Questo dimostra che anche per la cyber-potenza il rischio zero non esiste

Illustrazione

Illustrazione

Il mito dell’invincibilità cyber israeliana comincia a vacillare. Negli ultimi mesi un’ondata di attacchi informatici causata da incursori politicamente motivati ha infatti esposto grandi quantità di dati relativi a cittadini ed aziende israeliane. Sono le stesse aziende di cybersecurity del paese a denunciarlo. Check Point Software ha riportato che un gruppo noto come “Moses staff’s” ha attaccato e cifrato i server di una dozzina di aziende senza chiedere riscatto, ma solo per “procurare il maggior danno possibile ai sionisti” come il gruppo ha dichiarato spavaldo su Twitter. Negli stessi giorni è giunta la notizia di una presunta incursione in sistemi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.