closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Anche i patrimoni da 500 mila euro sono in stagnazione

Rapporto Aipb-Censis. Il risparmio calcolato in 4.218 miliardi circa, lievemente diminuito rispetto all’inizio della crisi nel 2008 dello 0,4%, si tende a non investirlo più in «Bot», «Btp» o altri titoli del debito pubblico italiano, ma in altri titoli del mercato finanziario globale

Vogliono continuare a vivere in Italia, ma non investono la loro ricchezza in titoli di stato. Il secondo rapporto Aipb-Censis dedicato agli italiani e la ricchezza sostiene che la sfiducia delle 500 mila famiglie che possiedono un patrimonio superiore ai 500 mila euro non riguarda «i soggetti dell’economia italiana e le comunità, ma lo Stato». Come se la crisi economica, e i suoi elementi strutturali che risalgono a un periodo precedente al 2008 fossero responsabilità solo della pubblica amministrazione o delle altre funzioni, e organi costituzionali, che compongono lo «Stato» e non del mercato e dei suoi capitalisti. E così...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.