closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Amnesty: «Abusi agghiaccianti dei ribelli siriani sui civili»

Siria. In un nuovo rapporto l'organizzazione raccoglie le testimonianze di residenti di Idlib e Aleppo: gruppi di opposizione sostenuti dall’Occidente torturano, rapiscono, uccidono

Gruppi armati di opposizione attivi in Siria

Gruppi armati di opposizione attivi in Siria

Alcuni gruppi di ribelli siriani sono responsabili di violenze e violazioni dei diritti umani simili a quelle compiute dal governo del presidente siriano Bashar al-Asad. La denuncia arriva da un nuovo rapporto di Amnesty International pubblicato ieri. Nel suo studio – che si basa su 70 interviste fatte ai civili che vivono e lavorano nella provincia settentrionale di Idlib e in alcune zone di Aleppo controllate dall’opposizione – Amnesty documenta un uso «agghiacciante» della tortura, dei rapimenti e delle uccisioni sommarie da parte dei ribelli. Le violenze e le violazioni dei diritti umani, scrive nel suo rapporto Amnesty, sono state...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.