closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Aminatou, la ribelle del Sahara

La storia. Aminatou Haidar, simbolo della lotta per la liberazione della sua terra e dei prigionieri politici saharawi

Un fotogramma dal film di Giancarlo Bocchi «La ribelle del Sahara»

Un fotogramma dal film di Giancarlo Bocchi «La ribelle del Sahara»

Aveva nove anni quando i marocchini occuparono il suo paese, il Sahara occidentale. Ancora oggi, Aminatou Haidar, la leader della resistenza nei territori occupati, che chiamano «la Gandhi del Sahara», ha un ricordo indelebile e drammatico di quei giorni. «Ci sono degli eventi che hanno caratterizzato in particolare la mia infanzia e che rimangono incisi nella memoria, come la morte di mio padre. Ha perso la vita quando ci fu l’invasione investito da un camion guidato da un marocchino. A quell’età non capivo la situazione. Avvertivo che fosse successo qualcosa di strano, in particolare in quel periodo c'erano molti camion...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi