closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ambasciata a Gerusalemme, la mossa di Pristina fa contento solo Netanyahu

Balcani/Israele. Il lascito di Trump sul Kosovo, un atto simbolico che non ha portato cambiamenti nella regione ma che ora apre alle tensioni: primo paese musulmano a trasferire la sede diplomatica. Turchia furiosa, Europa critica

Trump tra il presidente serbo Vucic e il primo ministro kosovaro Hoti, il 4 settembre 2020 a Washington

Trump tra il presidente serbo Vucic e il primo ministro kosovaro Hoti, il 4 settembre 2020 a Washington

L’arrivo in Israele venerdì scorso dell’ambasciatrice kosovara Ines Demiri è l’ultimo passaggio di una scelta discutibile: il Kosovo è il primo Stato musulmano e il terzo al mondo dopo Stati uniti e Guatemala ad aprire la propria ambasciata a Gerusalemme. L’annuncio aveva colto tutti di sorpresa, il 4 settembre dello scorso anno. Il presidente americano Donald Trump, a caccia di successi da spendere in campagna elettorale, aveva montato una farsa che aveva destabilizzato non poco la regione per costringere i due recalcitranti vicini a stringere i cosiddetti accordi di Washington. La farsa vedeva come attori non protagonisti il presidente della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi