closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Amazon ci ripensa e difende la legalizzazione della marijuana

Il colosso di Bezos elimina i test sui dipendenti e si dichiara sostenitore attivo del More Act

«Pot users welcome», titolano i media americani alla notizia, divulgata martedì sul blog d’azienda, che Amazon eliminerà su tutto il territorio federale statunitense i test sull’uso di marijuana dal programma dei controlli per le assunzioni dei dipendenti. Non solo: il colosso dell’e-commerce appartenente al gruppo di Jeff Bezos, il secondo datore di lavoro privato più grande negli Usa dietro Walmart, ha annunciato che «sosterrà attivamente» la legalizzazione della marijuana a livello federale appoggiando il Marijuana Opportunity Reinvestment and Expungement (More) Act del 2021. La decisione è arrivata dopo che, a marzo, un dipendente newyorkese di Amazon ha fatto causa all’azienda...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.