closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Alvin Curran, variazioni sul reale

Note sparse. Al Festival di musica contemporanea è di scena l'artista americano. Suoni campionati pescati da un infinito archivio dove caos e libertà vanno a braccetto

All’Area Sismica è di scena Alvin Curran. Per concludere la tre giorni del Festival di Musica Contemporanea Italiana, quinta edizione. Una tastiera elettronica, un campionatore, un computer. In avvio un silenzio rumoroso o di rumori inclini al silenzio. Poi suoni di natura, animali, tutto in minimal, cioè in andamento ripetitivo. Sulla base minimal di suoni sintetici astratti che intanto sono subentrati – e nelle performances di Curran occorre sempre distinguere tra «astratti» e «concreti» - si sente una voce come di una muezzin femmina in un luogo qualsiasi. Nel flusso frastagliato (e più agitato) di suoni che si è fatto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi