closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Altro che Jobs Act. E’ la legge Fornero che crea lavoro

Istat. I dati di ottobre. L’occupazione cresce tra gli ultra cinquantenni costretti ad andare in pensione più tardi dal governo Monti: +900 mila persone in tre anni. La riforma di Renzi trasforma solo i vecchi contratti nei nuovi rapporti di lavoro a termine. i lavoratori anziani lavorano, i giovani sono disoccupati. La crisi del lavoro indipendente e di quello autonomo.

L'aumento dell'occupazione è merito della legge Fornero sulle pensioni. Altro che Jobs Act. Questo è il bilancio dei dati di ottobre comunicati ieri dall'Istat. Si svela un altro dettaglio della crisi italiana: i più colpiti sono i lavoratori autonomi e i giovani lavoratori venti-trentenni, anche loro freelance o precari in generale. Il mercato italiano del lavoro è l'immagine di una frattura generazionale, fondata sulle diseguaglianze: i lavoratori anziani lavorano, i giovani sono disoccupati. O precarissimi. Ma tale frattura è il risultato di un orientamento consolidato in tutte le politiche del lavoro renziane: prima vengono i dipendenti, poi le altre forme...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.