closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Altro che bonus Renzi, la soluzione è il reddito di formazione agli studenti

Diritti e saperi. Il coordinamento degli studenti universitari Link ha depositato alla Camera 57 mile firme, raccolte in sei mesi, per una proposta di legge di iniziativa popolare sul diritto allo studio. Tra i punti più importanti c'è il reddito di formazione, parte integrante del reddito di base. Dagli studenti una visione per la giustizia sociale

Rifinanziamento del diritto allo studio universitario per garantire la copertura delle borse di studio per i redditi più bassi; miglioramento per gli studenti dei servizi di ristorazione, alloggio, accesso alle cure mediche; proposta di una ”No tax area” sotto i 28.000 euro di Isee per l’accesso libero e gratuito all’università. È la proposta di legge di iniziativa popolare “All In - per il diritto allo studio universitario” presentata ieri alla Camera dal coordinamento universitario Link. Insieme a altri organizzazioni, associazioni e comitati locali gli studenti hanno raccolto 57 mila firme in sei mesi per garantire a tutti la possibilità di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi