closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Altri 60 rohingya morti. L’Onu aspetta: Pechino allontana sanzioni al Myanmar

Myanmar. Intanto i post su Facebook dell’Arakan Rohingya Salvation Army, il gruppo secessionista rohingya accusato dai birmani di terrorismo, è stato oscurato. Un regalo a chi sta pensando a scelte radicali e ai paesi interessati a creare caos nella regione finanziando chi non ha più nulla da perdere

Mentre il numero dei rohingya fuggiti in Bangladesh continua ad aumentare, aumenta anche il numero delle morti: ieri a causa del ribaltamento di una barca che portava rohingya, in maggioranza bambini, nel Golfo del Bengala sarebbero morti in 60. Questi numeri si aggiungono a quelli di un esodo senza fine: sarebbero ormai 500mila i profughi di questa minoranza musulmana vittima di una cacciata biblica. IL CONSIGLIO DI SICUREZZA dell’Onu, di fronte a questi numeri e tragedie, aspetta. Riunitosi da giovedì per ora ascolta in attesa di pronunciarsi su possibili sanzioni e passi forti nei confronti del Myanmar da cui i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.