closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Alptransit pronto nel 2016» la Svizzera preme sull’Italia

Governo. Rinnovato l'accordo bilaterale. Per completare le opere, il governo di Berna offre un prestito di 230 milioni di euro

Il progetto delle nuove linee ferroviarie alpine. Non a caso, tutte le maggiori tratte ferroviarie corrono sulla direttrice nord-sud, mettendo in collegamento  le zone europee  di maggiore interesse industriale.  La Torino-Lione corre isolata verso ovest.

Il progetto delle nuove linee ferroviarie alpine. Non a caso, tutte le maggiori tratte ferroviarie corrono sulla direttrice nord-sud, mettendo in collegamento le zone europee di maggiore interesse industriale. La Torino-Lione corre isolata verso ovest.

Durante la scorsa settimana la consigliera federale svizzera Doris Leuthard, superministro di Ambiente, energia, infrastrutture e trasporti, ha incontrato a Roma i suoi tre omologhi italiani – i ministri Lupi, Zanonato e Orlando – per caldeggiare la conclusione dei lavori di adeguamento del raccordo ferroviario che costituirebbe, all’interno delle nostre frontiere, l’accesso sud all’Alptransit svizzero. Non si tratta di "grandi opere": il foro alla base delle Alpi è già stato realizzato, tutto in terra svizzera e con il consenso delle popolazioni locali. Il tunnel ferroviario del San Gottardo è praticamente pronto: «Entrerà in funzione il 16 dicembre 2016», ha annunciato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi