closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

All’Osa, duro attacco al Venezuela, ma la sospensione non passa. Per ora

Washington. Prima prova di Trump, via Almagro, contro Latinoamerica e Caraibi

Caracas, manifestazione chavista

Caracas, manifestazione chavista

«Volete aiutarci? Bloccate la produzione di cocaina in Colombia». Duro scontro al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa) tra il governo di Nicolas Maduro e i paesi che, come la Colombia, hanno sostenuto la lettera voluta dal Segretario generale Luis Almagro per sospendere il Venezuela dall’organismo. Un testo che avrebbe messo sotto tutela le istituzioni bolivariane, stravolgendone la legalità. PER ALMAGRO, Maduro avrebbe anche dovuto indire elezioni «entro 30 giorni» (il suo mandato scade nel 2018) e liberare i politici in carcere, condannati per gravi reati: pena l’imposizione di un blocco simile a quello contro Cuba, espulsa dall’Osa nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi