closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

All’ombra di Mutti, Martin Schulz cede il passo a Sigmar Gabriel

Germania verso il voto nel 2017. L’ex presidente del Parlamento europeo che Berlusconi chiamò «kapò» non si candiderà per sfidare Angela Merkel ma spera di diventare il suo ministro degli Esteri

Il presidente uscente dell’Europarlamento Martin Schulz non si candiderà a cancelliere per l’Spd alle elezioni federali di settembre 2017. La sfida a Sigmar Gabriel e Angela Merkel finisce, in tutti in sensi, in una conversazione privata «ascoltata» da Der Spiegel. Il «discorso di Natale» pronunciato dall’«uomo di Bruxelles» di fronte alla platea degli intimi Spd. La sua rassicurazione che nel partito non c’è alcuna campagna elettorale alternativa all’«amico Sigmar»: verrà investito ufficialmente della candidatura a cancelliere il 10 gennaio 2017. È il via libera definitivo alla corsa del vice capo di governo, comunque distaccato di trenta punti percentuali da Merkel,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi