closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

All’insegna della cordialità e (forse) del dissenso, il papa riceve i leader europei

Stasera tutti in Vaticano. Il Francesco che sogna «un'Europa in cui in cui essere migrante non è un delitto» ha già bacchettato in passato chi costruisce «trincee» e «recinti». Nel clima di unanime autocelebrazione, l’unica voce fuori dal coro con i movimenti potrebbe essere la sua

Questa sera in Vaticano papa Francesco riceverà i capi di Stato e di governo dell’Unione europea appena arrivati in Italia per il sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma, le cui celebrazioni si terranno domani, in una Roma più blindata che mai, dopo il nuovo allarme per l’attentato terroristico di Londra di due giorni fa. L’INCONTRO si svolgerà all’insegna della cordialità – come recitano sempre gli irenici comunicati della Santa sede relativi a queste udienze –, ma c’è da scommettere che papa Francesco non perderà l’occasione per richiamare i leader europei sui temi sociali che già in passato ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi