closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

All’inferno e ritorno con Myss Keta

Note sparse. Icona sulla scena milanese da cinque anni, approda al suo primo progetto discografico «Una vita in Capslock», tra beat pulsanti e frenesie metropolitane

Myss Keta di rosso vestita...

Myss Keta di rosso vestita...

Capello biondo e mascherina - i più cattivi parlano di una Lady Gaga ’de noantri’- ma il percorso di Myss Keta è decisamente più complesso. Regina e icona di una scena tra rap e elettronica iniziata nel 2013 a Milano, porta ora a coronamento il progetto musical-video-estetico con il suo primo album. Tredici tracce con un filo conduttore: la discesa nei gironi danteschi dell’inferno, in un percorso condito da beat pulsanti, frenesie e doppi sensi cadenzati da una voce che si fa chioccia e sensuale (è stata doppiatrice di film erotici) e molto ironica. I pezzi Stress, Botox, Ultima botta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.