closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

All’Expo sono state licenziate 600 persone per motivi di polizia

Grandi eventi. L'incontro in prefettura a Milano con i sindacati ha chiarito i contorni dello stato di eccezione che vige nell'Esposizione Universale. Sessantamila sono state «schedate». Cgil: «Il ministro dell’agricoltura Martina prenda posizione. Queste misure sono state autorizzate dal governo». La petizione della Rete San Precario: «Cessino i controlli della Questura»

Le persone licenziate da Expo a causa del parere negativo della questura di Milano sarebbero 600, mentre i cittadini che hanno presentato una domanda di lavoro all’esposizione universale e sono stati sottoposti ad un controllo di polizia sono circa 60 mila. Questi dati sono stati confermati ieri nella riunione del «tavolo manodopera» alla prefettura di Milano dove Cgil, Cisl e Uil hanno incontrato i vertici Expo. La prefettura ha confermato di avere usato le informazione contenute nell’archivio Sdi e che è effettivamente avvenuto il «monitoraggio» delle persone che hanno fatto domanda di lavorare all’Expo. Ai 600 licenziati, molti dei quali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.