closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Allarme terrorismo, la stretta di Cameron

Gran Bretagna. Downing street alza l’allerta contro il rischio attentati: «Altamente probabile». La prossima settimana la Camera dei Comuni voterà il pacchetto di nuove norme. Sarebbero circa 500 i britannici arruolati nell’Isis

Conferenza stampa a Downing street  del premier David Cameron

Conferenza stampa a Downing street del premier David Cameron

Il premier inglese, David Cameron, ha annunciato ieri una riforma delle leggi inglesi anti-terrorismo. L’obiettivo delle nuove misure sarebbe di ampliare i casi in cui le autorità possono ritirare i passaporti ai presunti terroristi. Il primo ministro inglese, intervenendo in una conferenza stampa a Downing street, ha parlato di misure urgenti per opporsi alle «più grandi e profonde minacce mai conosciute» alla sicurezza nazionale. Per il governo la priorità è fermare i cittadini inglesi impegnati in gruppi terroristici in Iraq e Siria (in particolare nelle fila dello Stato islamico): sarebbero circa 500 i britannici arruolatisi nel gruppo jihadista che sta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.