closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Alla scoperta dell’inaspettato potere politico del pianeta Terra

SAGGI. «Tracciare la rotta», l’ultimo libro di Bruno Latour, in uscita domani con Cortina

Un'opera di Willy Verginer

Un'opera di Willy Verginer

Il 2012 fu l’anno della profezia Maya, secondo la quale il mondo sarebbe dovuto finire in seguito a un immane cataclisma. In quello stesso anno uscì un film, appunto intitolato 2012, che narrava l’avverarsi di quella profezia e lo sterminio di gran parte dell’umanità. Solo una piccola minoranza di donne e uomini potenti sarebbero sopravvissuti. Grazie alla preventiva costruzione di immense arche in grado di portarli in salvo. L’IMMAGINARIO MOBILITATO in quell’occasione parlava chiaro: la fine, causata dal disastro ecologico, è vicina. Le élites (che l’hanno in gran parte causato) abbandonano le masse per garantirsi la propria sopravvivenza. È esattamente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi