closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Alla ricerca dell’opera infinita per la cura del territorio

SCAFFALE. «Progetto minore», di Camillo Boano per Lettera Ventidue

Nella foto Camillo Boano

Nella foto Camillo Boano

Uno dei momenti più importanti della critica alla fondazione del sapere è la coscienza per cui l’opposizione alla metafisica, che di quel sapere costituirebbe l’orizzonte giustificativo più abbracciante, può risolversi in una riaffermazione capovolta dello stesso schema metafisico. COME AVVERTIVA già Heidegger, contrapporre semplicemente la differenza all’universale, il marginale a ciò che sta al centro, può risolversi in un gioco delle parti che - invece di prospettare un’uscita dalla metafisica - non farebbe altro che riaffermarla sotto mentite spoglie. Il filosofo che forse nel secolo scorso ha offerto la più pregnante variazione a questa situazione di stallo è stato Deleuze....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi