closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Alla ricerca delle verità nascoste

Cecilia Mangini. La fotografia - l'altra grande passione della regista morta a 93 anni. Nel1952 il suo primo servizio sulla condizione dei lavoratori in una cava alle Eolie

Cecilia Mangini, da «Isole»

Cecilia Mangini, da «Isole»

La fotografia come traccia «stanziale» della velocità dell’inquadratura, dello scatto. Un «allenamento visivo» influenzato dal realismo di Jean Renoir in La grande illusione e dal neorealismo di Vittorio De Sica in Ladri di Bicicletta, quello di Cecilia Mangini (Mola di Bari 1927-Roma 2021), prima documentarista italiana in un’epoca in cui la macchina da presa era off limits per le donne. Mangini è stata anche fotografa, oltre che sceneggiatrice, moglie (di Lino Del Fra) e madre (di Luca). LA SUA FASCINAZIONE per la fotografia nacque in ambito familiare vedendo uno zio maneggiare una costosissima Leica, irraggiungibile per lei che ventenne optò,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi