closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Alla Fao c’è chi ha fame e chi affama

Roma. Il giorno di Bergoglio alla Conferenza internazionale sulla nutrizione, che riunisce i paesi poveri e quelli ricchi, in una grande varietà di posizioni politiche. Nel suo discorso papa Francesco affronta il «paradosso dell’abbondanza» e il tema della soldiarietà: «Quando manca in un paese, tutto il mondo ne risente». E Marino cita Castro

Papa Bergoglio ieri alla Fao

Papa Bergoglio ieri alla Fao

«La lotta contro la fame e la malnutrizione è ostacolata dalle priorità del mercato e del profitto che riducono il cibo a merce, soggetta a speculazioni anche finanziarie». Alla seconda Conferenza internazionale sulla nutrizione, in corso a Roma, la voce di papa Francesco è risuonata ieri forte e chiara. Ha chiamato in causa la responsabilità dei governi e di quei «gruppi di potere» che impediscono risultati concreti nella lotta contro la fame e le ingiustizie. Ha invitato a parlare «di doveri» non solo di diritti, «di dignità per gli ultimi e non di elemosina». Poi ha richiamato «il paradosso dell’abbondanza»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.