closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Alitalia: “Stato di necessità”

Scimitarra araba. Si tratta ancora con le banche creditrici, oggi non c'è l'accordo con Etihad. La Cgil denuncia: "Sugli esuberi sono state forzate le leggi"

Lavoratori di terra in esubero

Lavoratori di terra in esubero

Nonostante la conferma dell'arrivo di James Hogan a Roma, l'accordo fra Alitalia ed Etihad non sarà firmato oggi. “Non è previsto – fa sapere Gabriele Del Torchio – non è in agenda”. Eppure per tutta la settimana scorsa il governo aveva battuto la grancassa, annunciando in lungo e in largo che era imperativo chiudere la trattativa sui 2.251 “esuberi strutturali” dell'ex compagnia di bandiera, per permettere al numero uno di Etihad di atterrare nella capitale con un quadro già definito in vista del matrimonio con gli arabi di Abu Dhabi. Al momento invece tutti i tavoli restano aperti. Da quello...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi