closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Alitalia senza soldi in cassa: a rischio stipendi di febbraio

Prime Grane. La causa sono i nuovi criteri Ue sui ristori Covid. «Serve un intervento del nuovo governo». Il commissario scrive agli 11 mila lavoratori. Intanto Lega e Italia Viva si candidano al Mise

Personale Alitalia di terra al lavoro durante il Covid

Personale Alitalia di terra al lavoro durante il Covid

L’economia non aspetta i tempi della politica. E in attesa che nasca il governo Draghi i problemi si ammassano senza soluzione. Soluzioni che lo stesso Draghi dovrà dare in fretta prendendo le prime decisioni da presidente del consiglio. Una vera emergenza riguarda la liquidità di Alitalia con gli stipendi di febbraio a rischio per tutti gli 11mila dipendenti. Presto però andrà presa una decisione su Montepaschi con una ricapitalizzazione necessaria da far accapponare la pelle anche all’ex capo della Bce: 1,6 miliardi. Vi sono poi tante crisi aziendali che attendono una soluzione con migliaia di posti di lavoro a rischio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.