closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Economia

Alitalia: «Il Coronavirus non è un’occasione per attaccare i diritti dei lavoratori»

Il caso. Reazione furibonda dei sindacati dopo la richiesta di cassa integrazione per 3960 lavoratori della compagnia di bandiera, causata anche dal panico da emergenza sanitaria che ha spinto a tagliare o ridurre i voli. Da British Airways a Easyjet: tra defezioni dei passeggeri e crollo delle prenotazioni. Per Alitalia altra tegola: indagine della Commissione Ue per il prestito ponte da 400 milioni di euro

HOstess Alitalia all'aeroporto di Fiumicino

HOstess Alitalia all'aeroporto di Fiumicino

Dopo la cassa integrazione per 3.960 lavoratori, tra le motivazioni c’è il coronavirus che ha spinto a cancellare voli prenotati ma con posti non occupati, ieri Alitalia è stata colpita da un’altra tegola. La Commissione europea ha aperto un’indagine sul prestito ponte da 400 milioni di euro per verificare se si tratta di aiuti di Stato. Tutto questo è avvenuto mentre procede la verifica della stessa Commissione sul vecchio prestito da 900 milioni. Sono dunque due le procedure in corso.

ENTRAMBI I PRESTITI potrebbero risultare, stando alla lettera della legilazione antitrust europea, come aiuti di stato. Secondo la disciplina che regola la concorrenza capitalistica definita da queste norme tali «aiuti» potrebbero risultare «illegali». La Commissione Ue ha comunque voluto evidenziare il fatto che l’avvio della nuova indagine si Alitalia «non pregiudica in alcun modo l’esito», e ha ricordato che «sta lavorando a stretto contatto con le autorità italiane sulla questione». In questo scenario di grande incertezza ieri il ministro dello sviluppo economico, Stefano Pautuanelli ha sotenuto che in queste ore dovrebbe essere pubblicato il bando di gara per la vendita della compagnia aerea di bandiera. Il testo è stato definito dal commissario Giuseppe Leogrande e dal direttore generale Gianfranco Zeni.

IL BANDO potrebbe prevedere la vendita di Alitalia e uno spezzatino in tre settori: volo, manutenzione e handling. Ma c’è anche l’ipotesi di un lotto unico. Inoltre il bando dovrà definire la tempistica in vista della scadenza fissata il prossimo 31 maggio. All’eventuale acquirente di Alitalia sarà fatto un regalo a spese del contribuente: non dovrà industriarsi a pagare 1,3 miliardi di euro di prestito ponte. Questi soldi saranno messi nei conti di una «bad company».

SUL VETTORE PESA anche il clima paranoico prodotto dalle conseguenze dell’epidemia mediatica sul Coronavirus. Alitalia ha cancellato ieri 38 voli con un grande numero di posti non occupati per paura di contagio. Tra chi ha ridotto o cancellato voli risultano anche British Airways, Brussels Airline, Easyjet. Bulgaria Air, Kuwait Airways, Korean Air, Azerbaijan Airline e Twin Jet. Lufthansa non ha cancellato i voli, per ora. Offre il «rebooking« a chi ha un biglietto per l’Italia. A Malpensa e Linate i passeggeri nei primi tre giorni della settimana sono diminuiti del 32,5%; all’aeroporto di Bergamo Orio al Serio del 30%.

UN ALTRO EFFETTO prodotto dalla paranoia da Coronavirus è stata la cassa integrazione per sette mesi, dal 24 marzo al 31 ottobre, per un totale di 3.960 dipendenti Alitalia. Una decisione che ha scatenato aspre polemiche da parte dei sindacati e della politica di ogni colore. «Il Coronavirus è l’occasione usata per attaccare i diritti dei lavoratori – sostiene il sindacato di base Usb – Sono state accelerate le procedure di licenziamenti collettivi e i cassa integrazione, come in Alitalia e altre aziende strategiche, confidando nella disattenzione e nell’impossibilità di lottare per contrastarle».

LA CASSA INTEGRAZIONE è «assolutamente inaccettabile e immotivata nonostante il Coronavirus» ha detto Fabrizio Cuscito (Filt Cgil). In un solo mese, nel trasporto aereo rischiano il lavoro 5500 persone, considerando i 1.500 dipendenti di Air Italy in liquidazione, Il segno di una devastante crisi di sistema. Il due aprile sarà sciopero: «il primo di una lunga serie» annuncia Cuscito. «Il coronavirus non può essere utilizzato da Alitalia per fare economie sulla pelle di cittadini e territori» ha detto Debora Serracchiani (Pd). «Va fermata la catastrofe annunciata» ha detto Stefano Fassina (LeU).


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna