closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ali, quel pugno leggendario che danzava sul ring

Muhammad Ali. Il Black Pride, il rifiuto del Vietnam, il mitico match a Kinshasa contro Foreman

The Greatest se ne è tornato in cielo. Il campione che ha cambiato nome, vita, religione e il mondo del XX secolo. Forse lo sportivo più famoso del mond, quello che ha influenzato diverse generazioni di attivisti, dall'Africa alle Filippine ai ghetti di Soweto e Harlem. Un leader afroamericano sul ring, in tv, nelle strade, una figura esemplare a favore dell'eguaglianza, della libertà e della pace. Combatteva da oltre 30 anni col morbo di Parkinson, frutto della sua prima vita, quei terribili colpi incassati in una lunga e fortunata carriera, conservando però quello sguardo intenso che incatenerà Mandela e Wojtyla,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.