closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Algeri contro l’hirak: islamisti di ritorno e condanne politiche

Algeria. Carcere per l’islamologo Djabelkheir e la ginecologa Bouraoui per «offesa alla religione». Il regime tenta di disarmare la protesta con una magistratura politicizzata e sdoganando i gruppi islamisti

Manifestazione del movimento hirak per le strade di Algeri

Manifestazione del movimento hirak per le strade di Algeri

«Djabelkheir n’est qu’un début…»: il titolo del commento dedicato dal noto giornalista e scrittore Kamel Daoud alla condanna del ricercatore universitario e islamologo a tre anni di carcere per «attentato alla religione, ai precetti dell’islam e ai versetti del corano» è stato purtroppo una facile premonizione. Martedì Amira Bouraoui, femminista e militante dell’hirak, è stata condannata a due anni di carcere dal tribunale di Cheraga per «offesa all’islam», la richiesta del pubblico ministero era di cinque anni. A suo carico i processi erano due: anche nel secondo per «attentato alla persona del presidente della repubblica» e «diffusione di informazioni suscettibili...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.