closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Alfano punta i piedi: se non cambia, non voteremo il decreto voucher

I ticket lavoro. Ap chiede una proroga di due mesi per la vendita e strumenti sostitutivi: dai "mini-jobs" ai "buoni alla francese". Mdp contraria. Camusso (Cgil): il testo non deve subire modifiche

Il ministro degli Esteri e leader di Ap, Angelino Alfano

Il ministro degli Esteri e leader di Ap, Angelino Alfano

Ap (l’ex Ncd) di Angelino Alfano punta i piedi sui voucher: «Senza emendamenti per spostare l’ultima data di acquisto dei voucher dal 17 marzo al 15 maggio, non voteremo il decreto», ha spiegato, aggiungendo che tra le condizioni per l’ok alla conversione in legge (nel passaggio al Senato, dove i voti di Ap pesano) c’è anche la messa a punto di strumenti sostitutivi, «dai mini-jobs alla tedesca ai voucher alla francese». «Altrimenti Camusso si cerchi i voti in Parlamento», minaccia il partito centrista. A far pesare dall’altro lato i propri voti è invece Mdp, contrario alle modifiche. «Il decreto legge...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi