closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Alessandro Fo, La gioia perfetta dell’incompiutezza

Poesia. Libro «alessandrino» ricco di citazioni, che dice il senso di perdita e il divino sorprendendoli in piccole epifanie quotidiane: tra Sant’Agostino e Baudelaire

Da

Da "La doppia vita di Veronica" di Kieslowski, 1991

C’è una poesia che forse più di tutte ospita quel senso di perdita che il moderno porta con sé, come suo emblema o cifra: è quel Cygne nel quale Baudelaire – ripartendo da un’immagine antica, dall’Andromaca piangente sulle sponde del Simoenta – si è ritratto come passante intriso della melancolie di luoghi ormai mutati o scomparsi, di quei faubourgs nei quali – mentre Parigi cambia – l’osservatore percepisce lo scorrere del tempo in un palazzo, in un’impalcatura. «Tout pour moi devient allegorie», scriveva Baudelaire. «Tutto si fa intanto allegoria»: quest’ultimo verso non si legge però in una delle molte versioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.