closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Alessandro Fo, La gioia perfetta dell’incompiutezza

Poesia. Libro «alessandrino» ricco di citazioni, che dice il senso di perdita e il divino sorprendendoli in piccole epifanie quotidiane: tra Sant’Agostino e Baudelaire

Da

Da "La doppia vita di Veronica" di Kieslowski, 1991

C’è una poesia che forse più di tutte ospita quel senso di perdita che il moderno porta con sé, come suo emblema o cifra: è quel Cygne nel quale Baudelaire – ripartendo da un’immagine antica, dall’Andromaca piangente sulle sponde del Simoenta – si è ritratto come passante intriso della melancolie di luoghi ormai mutati o scomparsi, di quei faubourgs nei quali – mentre Parigi cambia – l’osservatore percepisce lo scorrere del tempo in un palazzo, in un’impalcatura. «Tout pour moi devient allegorie», scriveva Baudelaire. «Tutto si fa intanto allegoria»: quest’ultimo verso non si legge però in una delle molte versioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi