closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Aleppo brucia, le super potenze si insultano

Siria. Violentissima escalation del conflitto nella città settentrionale, mentre al Palazzo di Vetro Mosca e Washington si accusano a vicenda di crimini. Assad vuole vincere, le opposizioni si fanno mandare altre armi

Guerra civile siriana

Guerra civile siriana

Settantuno camion di cibo e medicinali hanno fatto il loro ingresso ieri in quattro comunità siriane assediate: Zabadani e Madaya, al confine con il Libano; Fuah e Kefraya, cittadine sciite nella provincia di Idlib, controllata dall’ex al-Nusra. Gli aiuti saranno consegnati a 60mila persone dalla Croce Rossa. Mentre qualcosa finalmente arriva alle popolazioni sotto assedio di governo o opposizioni, ad Aleppo – dove si svolge una battaglia decisiva per la guerra – la violenza delle armi non aveva mai raggiunto simili livelli. Gli ospedali sono al collasso: le immagini girate sul posto mostrano corridoi strapieni di feriti, sdraiati a terra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi