closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Alberto Moravia, varia umanità

Nelle lettere giovanili edite da Bompiani lo scrittore, uscito fuori dalla noia, inizia a tessere amori, libri, amicizie...

Antonio Donghi, «Donna per le scale», 1929, Firenze, collezione Banca Monte dei Paschi di Siena

Antonio Donghi, «Donna per le scale», 1929, Firenze, collezione Banca Monte dei Paschi di Siena

La parte della vita di Moravia che va dagli anni del «bambino Alberto» – come suona il titolo di una intensa ricostruzione di Dacia Maraini – a prima di Agostino è l’età di una precoce e quasi forzata maturità, segnata dal caparbio voler risolvere in un punto di forza quella che, nello svolgersi della biografia, era una fragilità: la costrizione ad essere appartato per le vicende della tubercolosi ossea sofferta dal 1915 al 1925. Quegli anni furono riempiti prima da giornate di noia e lettura; poi, congedata la malattia, da una specie di euforia, trasmessa alla scrittura dei primi resoconti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi