closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Alain Touraine e la sfida necessaria della modernità

L'INTERVISTA. Parla il sociologo francese: «Pur nelle loro irriducibili differenze le ideologie del ’900 facevano leva su un’idea del noi. Ora il rifiuto dell’universalismo passa per il vocabolario dell’identità»

Alain Touraine è un sociologo che nel corso della sua lunga vita (ha 94 anni) ha dedicato attenzione ai movimenti operai, quindi a quelli sociali, all’interno di una cornice analitica da lui stesso definita come «post-industriale». Lo ha fatto con una determinazione e un impegno che lo hanno portato a lasciare l’École Normale Supérieure per andare a lavorare in miniera per fare sociologia «dal di dentro», per poi tornare a Parigi e dirigere l'École des Hautes Études en Sciences Sociales. Il suo ultimo libro, In difesa della modernità, (Raffaello Cortina, 2019) testimonia il punto in cui si trova il suo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.