closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Alain Resnais, il gioco ludico del cinema

Ritratti. Scompare a 91 anni il regista di «Hiroshima mon amour» Il suo ultimo film, «Aimer, boire et chanter» aveva vinto l’Orso d’argento alla scorsa Berlinale

I titoli: On connait la chanson (’97), Les Herbes folles (2009), e andando indietro nel tempo, Hiroshima mon amour (’59) che è il suo primo lungometraggio di finzione. Imprevedibili (follemente) non illustrano, non spiegano, scompongono le certezze di un rapporto narrativo lineare, le traiettorie obbligate del senso. L’ultimo film di Alain Resnais, Aimer boire et chanter (altro titolo dentro/fuori un film che è funebre e insieme pieno di gaiezza) ha vinto quest’anno l' Orso d'argento alla Berlinale per l’innovazione del linguaggio. E niente ci può dire meglio dell'energia di un regista magnifico, inarrestabile sperimentatore a venti come novant'anni - il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.