closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Alain Platel e il risveglio delle coscienze

A teatro. «Nicht Schlafen», la nuova creazione del coreografo belga dopo Torino sarà l’8 e il 9 ottobre a Reggio Emilia. Una danza estrema, scontro feroce di corpi - su musiche di Mahler - un ammonimento all'umanità dolente

scene da Nicht Schlafen

scene da Nicht Schlafen

La nuova creazione di Alain Platel arrivata a Torinodanza nei giorni scorsi, potrebbe segnare un importante punto fermo nel lavoro dell’artista belga. Contiene infatti tutti gli elementi fondanti della sua spettacolarità, dalla centralità estrema dei corpi all’uso intrecciato della danza e del teatro, e poi ancora lo sguardo privilegiato a un mondo di ultimi, fino alla «marginalità» degli abiti, strappati e stracciati fino a figurare come discarica, e soprattutto (forse addirittura punto di partenza e guida medianica) la dedica e la fedeltà ad un unico compositore, in questo caso Gustav Mahler, dopo aver privilegiato per lungo tempo Bach, Monteverdi, i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi