closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Al Viminale il leghista dei decreti sicurezza

In serata al Viminale preferiscono far prevalere la diplomazia: «Non sarà facile, ma la ministra ha una grande capacità di mediazione e sarà in grado di risolvere eventuali divergenze», spiega un funzionario. Parole felpate, com’è comprensibile, che però nascondono solo in parte la preoccupazione che l’arrivo, anzi il ritorno, del leghista Nicola Molteni al ministero dell’Interno come uno dei tre nuovi sottosegretari (gli altri due sono Ivan Scalfarotto, di Iv, e il pentastellato Carlo Sibilia, riconfermato), possa trasformarsi in un possibile ostacolo al lavoro svolto fino a oggi dalla ministra Luciana Lamorgese. Anche perché a precedere Molteni ci sono i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi