closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Al via la procura Ue, vigilerà sui fondi Recovery

Frodi fiscali. Potrà avviare inchieste giudiziarie transnazionali e portare in tribunale i sospetti di corruzione, truffe, riciclaggio

La magistrata rumena Laura Kövesi

La magistrata rumena Laura Kövesi

«Da oggi i soldi dei contribuenti sono meglio protetti, l’European Public Prosecutor’s Office sorveglierà da vicino la messa in opera del NextGeneration Eu e l’uso dei fondi» nei paesi Ue, cioè dei 1.800 miliardi del piano di Recovery e del bilancio pluriannuale Ue. Lo ha affermato ieri il commissario europeo alla Giustizia, Didier Reynders, in occasione dell’entrata in azione della Procura europea, un’istanza sovranazionale, indipendente dalla Commissione e da tutte le istituzioni Ue, che ha il compito di lottare contro la frode sui fondi europei e di coordinare le inchieste tra più stati. La Procura potrà avviare inchieste giudiziarie transnazionali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.