closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Al-Sisi schiaffeggia la stampa: arrestato il presidente del sindacato

Egitto. Il regime egiziano sfida i giornalisti ribelli: in carcere Qalash, insieme al segretario e al vice segretario. Otto fratelli musulmani condannati a morte, il leader spirituale Badie ad un altro ergastolo

Protesta dei giornalisti egiziani

Protesta dei giornalisti egiziani

La battaglia tra Ministero degli Interni e sindacato della stampa egiziani ha toccato un apice mai raggiunto in 75 anni: nella notte tra domenica e lunedì il presidente del sindacato, Yehia Qalash, diventato in due mesi il punto di riferimento di media indipendenti e società civile, è stato arrestato con l’accusa di aver dato rifugio ai due giornalisti di January Gate, Amr Badr e Mahmoud el-Sakka, detenuti dopo un violento raid il primo maggio. «Nascondere sospetti contro i quali pendeva un mandato di arresto e pubblicazione di notizie false che minacciano la pace» sono i due crimini che Qalash avrebbe...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.