closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Al Senato il memo ignorato che annunciava l’assalto

Stati Uniti. Si aprono le udienze sulla rivolta trumpista del 6 gennaio scorso. La polizia del Campidoglio sulla graticola: l’Fbi aveva segnalato il pericolo ma nessuno si era mosso

6 gennaio 2021, suprematisti e sostenitori di Trump prendono d’assalto il Campidoglio a Washington

6 gennaio 2021, suprematisti e sostenitori di Trump prendono d’assalto il Campidoglio a Washington

Il Senato degli Stati uniti ha cominciato le udienze pubbliche sulla rivolta del 6 gennaio. Al centro della prima udienza il promemoria dell’Fbi inviato un giorno prima dell’insurrezione, contenente un avvertimento esplicito riguardo un potenziale scoppio di violenza. Ai funzionari come all’ex capo della polizia del Campidoglio Steven Sund e agli allora sergenti d’armi, Paul Irving e Michael Stenger, è stato chiesto perché un tale avvertimento non abbia generato una risposta più forte e strutturata e perché la richiesta di aiuto della Guardia nazionale abbia avuto una risposta tanto lenta. Il tanto discusso «promemoria di Norfolk», dal nome dell’ufficio dell’Fbi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.